– Frammenti di Sogni –

IMG. Dal Web

È tardi , fuori piove e le vetrine dei negozi , oramai chiusi , sono completamente bagnate .

Il rumore della pioggia che scende dai vetri , rilassa , mentre questo malinconico suono inizia a bussare all’anima .

Lei cammina , senza fermarsi , fino ad arrivare alla via del ristorante presso il quale aveva prenotato .

Il porta ombrelli all’entrata rimane vuoto ; lei non usa protezione contro la pioggia , anzi , usa la pioggia come protezione ; si , può pure far scendere delle lacrime , nessuno se ne accorgerà mai .

Saluta e siede al tavolo , quasi disorientata , non era nel suo mondo fatto di un solo nome .

Ordina da bere , il tovagliolo posato sulle gambe , versa dell’acqua naturale ed è in quel momento che sente cambiare la musica .

Davanti a lei , una coppia di giovani ragazzi ; i loro occhi non smettono di guardarsi e la ragazza , di massimo venticinque anni , ha un sorriso stupendo .

Il sushi riempie tutti i tavoli circostanti ; il loro invece è ricoperto dalle loro sole mani , vicine , giocano a rincorrersi .

Lo stomaco inizia a chiudersi davanti a tanta dolcezza ; le basta chiudere gli occhi e nutrirsi di ciò che le manca , portando l’immagine di quelle mani al suo cuore .

D’altronde su quel tavolo c’è tenerezza , leggerezza , gioia , amore , vitalità , ironia ; tutto ciò che lei , a differenza loro , non può toccare .

No , non si perde d’ animo ,ognuna di quelle emozioni le vive pure lei , si , in ogni angolo del suo cuore .

I ragazzi prendono il caffè e si alzano , lui le mette il cappotto e la raggazza ha negli occhi la luce del sole .

Arriva il cameriere , lei si alza , vedo le sue labbra che chiedono il conto .

Il cameriere , stupito , all’inizio non rispose ; in effetti non aveva neanche iniziato la cena .

“Signora non ha ancora cenato , non posso portarle il conto ” dice .

Si sbaglia ” , risponde lei , ” Sono davvero sazia , ma , ha ragione , non si può dare un prezzo a questo cibo , è inestimabile ” .

Esce dal ristorante , si guarda attorno ; Eccoli , mano nella mano , senza ombrello anche loro .

Pensa , tante cose ; ne desidera una sola .

Sceglie di confessarlo alla pioggia , certa che ne terrà il segreto .

È stanca , ha freddo , ha mani sole che si chiudono a formare un pugno , ha di tutto e di più ; più , che vorrebbe tener stretto fino quasi a strozzarlo .

Prende le chiavi di casa , entra dalla porta , la chiude e vi si appoggia la testa , scivola giù , strisciando la schiena su di essa , verso il basso , ed è così che aspetta la notte ; ore in cui pure lei può sognare .

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria