– Vivere –

Siamo così no?

Siamo distrattamente così, suoni instabili tra i loro alti ed i loro bassi, tra i loro violini e le loro corde.

Eppure la ricerca di quei suoni è così estrema, a volte, manca il fiato, a volte, mancano persino i battiti del cuore.

Mentre tutto attorno calpesta le nostre note, noi cerchiamone delle altre, è l’unica cosa che può tenerci in vita, stretti, compatti, invincibili.

Assordanti sono tutti quei momenti in cui non si può vivere, respirare, sorridere, giocare, amare.

Lacerante è il non battersi per averli, lanciando chiavi di volino addosso pure a noi stessi.

Come ci si può battere quando non si hanno forze?

Forse non è così difficile come sembra.

Forse le forze non contano.

Forse ciò che conta è solo questo vulcano che esplode ogni volta che ci sei e che riposa forzatamente nel suo buio quando invece te ne stai lì.

Forse ciò che freme tra uno sguardo ed un turbante di emozioni ha una definizione; forse si chiama amore.

Vorrei suonare sotto la tua voce, vorrei cantare sopra la tua musica, vorrei poter nuovamente vivere.

Vivere, con te.

Il senso di tutto è con te.

Vivere, con me.

Il dolore ha il nome dell’assenza .

Vivi, ti prego, venendo da me.

“Lettera ad un amore”

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria