– Dove sei, vieni qui –

È mattina eppure le lenzuola ancora non si vogliono staccare, imprigionando ogni pensiero, ogni sguardo, ogni soffocato respiro.

Fluttuanti note nella mente che sembrano voler battere e ribattere sui miei occhi, fino a non volerli far aprire.

Poi, succede che arriva il suo battito a frastornare ogni mia convinzione, non esiste più freddo qui.

Devastando le mie mani, alla ricerca di quel cuore che non posso toccare, cerco di afferrarne la sua scia, lasciatami addosso prima dell’abbandono per la buonanotte.

E poi, il silenzio.

Odiato silenzio.

Dove sei, dove sei.

Frammenti di voci al cuore e rugiada mattutina sulle guance.
Vieni qui, vieni qui.

Alzami tu, tu che sai farmi sorridere riempiendo le mie ore di vitali aromi all’anima.

Tu che puoi far scivolar via ogni grigio pitturandolo di celeste.

Vieni qui, vieni qui.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria