– Voglio –

Voglio essere sorretta, sì, da mani più grandi della mia anima, affinché ogni sua parte ne venga raccolta, domata, protetta, levigata.

Voglio riposare, sì, in quella culla che ogni bambina desidera, chiamata cuore, affinché ogni piccolo frammento di vetro ancora rimasto venga frantumato, dissolto, perduto.

Voglio piangere, sì, in quella linea tanto desiderata, chiamata spalla, affinché ogni piccolo dolore presente venga mutato in ricordo lontano, passato, concluso.

Voglio amare, sì, in quello spazio mirato, chiamato uomo, affinché ogni spietata assenza venga mutata in frenetica e traboccante presenza.

Voglio te, vorrei te, affinché possa dire a me stessa che c’è finalmente qualcosa di prezioso, anche per me.

 

“lettera ad un amore”

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

2 replies