– Spappolami –

Lei è una di quelle donne alle quali non serve chiedere nulla, basta l’inizio di un cenno, di un sopracciglio alzato, di una parola sussurrata, per capire ciò che in quel momento naviga per la sua testa.

È esattamente quel tipo di donna che è capace di accarezzare e mordere nello stesso millesimo di secondo; ciò che lei fà porta sempre ad un effetto, a tratti forte a tratti leggero, a tratti tremendo a tratti dolce.

Ed in questo momento lei vuole, sì, vuole usare le sue mani, le sue braccia, persino i suoi capelli, per avvolgere chi ama.

Vuole che li si fiondi addosso ogni cosa; vuole quella nuca stretta al suo ventre per poterla cullare, per poterle dire “ci sono io con te”, per poterle confessare il suo essere completamente sua.

La sento urlare, mentre le dita delle sue mani si arricciano come a stringere l’aria che passa nel loro mezzo.

La vedo vestirsi di tutto quello che l’appartiene, il risultato ne è sorprendente.

La vedo stringere al limite delle sue forze; la sento dire sottovoce ” spappolami l’anima”.

La vedo abbandonarsi e gustare di tutto quel vivere; come un ape si nutre del nettare di un fiore, lei vuol donargli tutto ciò che tiene in vita il suo cuore.

Lo vuole letteralmente nutrire, ne vuole uscire devastata, sospirata, spappolata.

Le chiedo: “perché vuoi tutto questo?” risponde : ” è puro egoismo, far vivere lui di me è ciò che fa vivere me; regalare a lui il sole è ciò che fa scaldare me; prendermi cura di lui è amare me stessa; farlo sorridere è rendere me davvero felice.”

Lei, una egoista nel cuore.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

2 replies