– ….. –

Opera di Christian Schloe


Ehi tu, sto raccogliendo il colare della luna, così con la scusa la guardo e chiedo a lei cosa pensare; sì, perché sò che credo in te, voglio farlo con tutta me stessa.

Il pensiero però diventa pesante, tamburegga al timpano e mi fa domande alle quali io non posso rispondere con certezza.

Sarà un caso? Sarà un tecnologico caso?

Sarà quello che sarà, io continuo a respirarti sotto questo chiarore lampante.

Malapena apro gli occhi, per la paura di vedere cose nuove, con la curiosità e l’estremo bisogno di sapere che tutto è come sempre.

È lacerante, un travolgente tarlo che non so più come spiegare.

No,non sò più come spiegare.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

2 replies