– Non Squilla –

Il telefono è attaccato alle guance e lei aspetta, di colorare ancora i suoi occhi stanchi, con l’aurora di quell’amore che porta brividi persino ai fianchi.

E non squilla, ma cascasse almeno una scintilla da questo cielo caldo che soffia forte per rapire almeno un suo sguardo accecando, ogni angolo di questa vuota vita che lui hai reso infinita.

Sembra trafiggere ogni minuto questo piccolo senso di sete e tutto vuol essere compiuto, non c’è gioco che regga non c’è rabbia che distrugga, c’è un solo sentimento forte voluto.

E si strappa i capelli, li tinge e li guarda, lì dove la luce li voleva far sembrare meno belli, sono l’unica cosa che ora può sentire scivolare sulla propria pelle, mentre tutto attorno stringe come fa la luna di solito con le sue dannate stelle.

Ed il telefono non squilla, ma cascasse almeno una scintilla da questo cielo caldo che soffia forte per rapire almeno un suo sguardo accecando, ogni angolo di questa vuota vita che lui ha reso infinita.

Morire di quel feroce cuore abbandonando ogni presa ed ogni laccio, quel calore che manca e parla come un pazzo, diventando ghiaccio.

Fissare una cornetta e voler piangere per poi ridere così lei aspetta, i suoi impegni lo abracciano portandolo lontano da quel loro spazio, hanno un profumo diverso, chissà se lui ne sarà distrattamente sazio.

Ed il telefono non squilla, ma cascasse almeno una scintilla da questo cielo caldo che soffia forte per rapire almeno un suo sguardo accecando, ogni angolo di questa vuota vita che lui ha reso infinita.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

3 replies