– Qualcuno, per chi amo –

Occhi che racchiudono capricci, labbra che li bevono, mani che li asciugano. Ecco come si urla quando non lo si può fare, ecco come ci si strappa i capelli quando si hanno le mani legate.

Sarà esagerato, sarà strano, sarà scortese, ma troppo no, l’unica cosa di troppo qui sono io nella mia solitudine che si diverte a giocare con le mie stesse parole.

Sarò incapace, sarò diversa o anonima, sarò indecifrabile, ma non tingo i fogli di calcoli né di numeri, li tingo di emozioni, siano esse pur banali, ma vere emozioni.

Avrei voluto essere qualcuno non per tutti ma qualcuno per chi amo, ed è per questo che batto i pugni davanti a questo specchio, con la chitarra che mi risuona dalle cuffie al cuore.

Non sarò mai facile, mai completamente leggera, mai pienamente comprensibile, ma sarò sempre in lotta per la conquista dell’amore che voglio.

Piena delle mie inutili righe, vuota nei miei silenzi interrotti dalla musica.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

3 replies