– Stanchezza nostalgica –

Non è tristezza, non è nulla di così importante. È sola stanchezza nostalgica. Come una regina con la sua bella corona in testa ma senza un regno da poter abbracciare forte. E così, si siede sulla roccia più grande del suo giardino aspettando la possente guida del suo re, la sua presenza, un suo comando, il suo tutto.

Come un torrente pieno di detriti che passano sopra, lungo tutto il corpo, e scavando, scorrono, lasciando graffi e solitudine alla pelle. Come un lamento melanconico che non esce dalla bocca ma solo dagli occhi. Il forte bisogno di un letto di coccole, quelle piene, ricche come lo è una regina.

“Una (d)onna”

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

4 replies

  1. “Come un torrente pieno di detriti che passano sopra, lungo tutto il corpo, e scavando, scorrono, lasciando graffi e solitudine alla pelle. Come un lamento melanconico che non esce dalla bocca ma solo dagli occhi.” ❤ come potrei non riuscire a trovare qualcosa che mi colpisce, che descrive una mia presente o già vissuta emozione o sensazione, a non sentire il sentimento nascosto tra le tue parole? Tu, dimmi come?

    Piace a 1 persona