– Non ti rendi conto (YOU DON’T REALIZE) – #elygioia

Che cosa ne sarà di me, della mia pelle, del mio cuore? Posso solamente struggere le parole che mi capitano davanti mentre scrivo. M’arrivano quando non le cerco, mi spezzano quando le prendo, mi strozzano quando le pronuncio. Possibile non riuscire a far arrivare tutto quello che c’è?. Possibile non riuscire nemmeno a morire per vivere di te?. Possibile che non ci siano la forza e la voglia di trattenere ciò che si ha di prezioso?. E scivolo, tra le tue dita, urlando disperatamente di non lasciare noi, di non buttare al niente noi, di non lasciare perdere noi. Con quale voce posso più farlo?. Non posso rompere io quel muro che mi sono trovata davanti, quasi all’improvviso, non posso essere io ad essere la sola presente con me stessa, non posso esserlo senza di te. La notte mi conosce, tu mi riconosci oppure no?. Il tuo cuscino, occupato, sa ancora un po’ di me? Ma non ti rendi conto di quello che sta succedendo? Perché lo permetti?. Ed io, che ancora sento qualsiasi voglia, di qualsiasi cosa, di qualsiasi gesto, di qualsiasi benedetto bacio, non ho avuto mai, e non ho, la voglia di perderti. Ma sono le ennesime parole che strisceranno sul pavimento della mia casa, ricordandomi ad ogni angolo quanto io amo. Disperatamente. Ed ora non giudicarmi se piango, probabilmente sono capace di fare solo questo.

@ElyGioia

What will happen to me, my skin, my heart? I can only melt the words that happen to me as I write. They come to me when I don’t look for them, they break me when I take them, they choke me when I pronounce them. Possible not being able to get everything there? . Possible not even being able to die to live on you? . Is it possible that there is not the strength and the desire to retain what is precious? . And I slide between your fingers, screaming desperately not to leave us, not to throw us away, not to let us go. With which voice can I do it anymore? . I can’t break that wall that I found myself in front of, almost suddenly, I can’t be the only one with myself, I can’t be one without you. The night knows me, do you recognize me or not? . Does your pillow, busy, still know a little about me? But don’t you realize what’s going on? Why do you allow it? . And I, who still feel any desire, of anything, of any gesture, of any blessed kiss, I never had, and I don’t have, the desire to lose you. But they are the umpteenth words that will crawl on the floor of my house, reminding me at every corner how much I love. Desperately. And now don’t judge me if I cry, I’m probably able to do just that.

@ElyGioia

Categorie:Senza categoria

3 replies