SCRITTORI

– PRIMO LEVI 31 LUGLIO 1919 –

“Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo.” PRIMO LEVI , Scrittore e Chimico. Partigiano Antifacsista, il 13 dicembre 1943 venne arrestato in Valle d’Aosta, nel febbraio dell’anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz  in quanto ebreo. Scampato al lager tornò in Italia e, proprio qui, si dedicò al compito […]

– VEDO ( I SEE ) –

Scruto, questo nuovo giorno dipinto anche per me, creato anche su mia misura, colorato anche dei miei colori. Seguo ogni figura, quelle geometriche della vita m’appassionano, in continuo mutamento e sempre di più ricche in sapore. Un complesso di drappi esposti ad arte, il mio vedere. Ed accosto qui pensieri, […]

– GIACE ( LIES ) –

Non vi è più fuoco nel mio occhio. Scarnato ed affamato, il cuore, di nuove strade, composte, ben disposte, verso me. Lì dove le emozioni chiedon protezione, bagliore e stupore le ingannano. Ch’io sia più saggia nel futuro, men orba. Mi stendo, confondendo la terra col mio plumbeo respiro. E […]

– DETTATO DI ME ( dictated by me ) –

Corrono, su lame affilate, distruggono, bicchieri di vino, salgono. Il fumo inebriante, la lingua assaggia e tace. Limpidi, i strutturati piani dell’anima, imbevuti di zucchero. Petrolio d’amore nelle vene, freddo e caldo, sordo e saggio. Vita sudata, graffiata, gasata. Mente occupata dal deserto della solitudine, affranta dai mutamenti repentini di […]

– SU ROCCE SCOLPITE ( ON CARVED ROCKS ) –

Su rocce scolpite, di anime vissute, di sentimenti naufragati, vi è l’intera esistenza umana. Esse conoscono ogni lacrima, persino quelle più fragili, nascoste negli otri del cuore. Sanno di passato, presente e futuro. Levigate da un mare esperto, coperto dal cielo, galvanizzato dal sole. Se ne stanno lì, inermi, fisse […]

– INGENUA RAGAZZA ( NAIVE GIRL ) –

Certezze indissolubili vagano, lungo il ciglio della maturità. Estroversi e persi, occhi d’ingenua ragazza. Che son tutti uguali i ricordi di un amore falso, non temere. Si riceverà il peggio, si conserverà il meglio, ogni cosa a suo tempo. Avran luogo tormenti, esperimenti del cuore, che se deve amare, la […]

– SPORCARMI ( DIRTY ) –

Sporcarmi, dell’inchiostro più nero, voglion, le mie mani. Disfatti e rifatti i dipinti occhi, parlan da soli. Petti piangono di ferite sorde, bagorde le parole. Fino a sera, di giorno, van sognando le anime belle, caravelle in questo mondo alla deriva. Si sporcano anche loro, d’amore naviganti, d’odio attaccate. Dio! […]

– UN LENZUOLO ( A SHEET ) –

Un lenzuolo per il respiro, giro di fresche ed illibate emozioni. Estinti, i ricami, amari i centimetri scoperti di me. Tiepide rotture, ritte come pini, il cielo seducono. Di vite, va cercando il cuore, vuole non più spine, ma passione. Un’andirivieni serale d’inchiostro, appese, le parole. Appesa io. Appeso questo […]